NEWS/XILOGLUCANO: UNA SOSTANZA NATURALE PER PROTEGGERE LA MUCOSA INTESTINALE

XILOGLUCANO: una sostanza naturale per proteggere la mucosa intestinale

Lo xiloglucano è un polisaccaride, in particolare un'emicellulosa, naturale che si trova nei semi del tamarindo (Tamarindus indica), un albero da frutto tropicale diffuso nell’Africa dell’est e in India, ma che viene coltivato anche in altre aree tropicali asiatiche e in America Latina. La composizione chimica dello xiloglucano gli conferisce delle interessanti caratteristiche che possono essere sfruttate in ambito medico: tra queste rientra la muco-adesione, ossia la capacità di aderire alle membrane biologiche. Lo xiloglucano, grazie a questa capacità, può formare una barriera protettiva a livello intestinale.
Uno dei fattori che nella sindrome dell’intestino irritabile (IBS) porta la comparsa di sintomi come gonfiore, dolore addominale e diarrea è l’alterazione della parete intestinale (soprattutto a livello delle giunzioni tra una cellula e l’altra) che può causare il passaggio di sostanze “estranee” e potenzialmente nocive (come allergeni, batteri e virus) dal lume intestinale verso l’interno del nostro organismo.

XILOGLUCANO: una sostanza naturale per proteggere la mucosa intestinale

È stata dimostrata l'efficacia di un trattamento combinato di xiloglucano, proteina del pisello e tannini (derivati da succo d’uva) e xilo-oligosaccaridi (XOS) nei pazienti con IBS-D, ossia con predominanza di diarrea.

In generale, si può affermare che lo xiluglucano è una sostanza naturale che, grazie alla sua proprietà muco-adesiva, è in grado di aderire alla mucosa della parete intestinale, formando una barriera che la protegge da attacchi di agenti potenzialmente nocivi e salvaguardando le giunzioni cellulari.

Quindi l’utilizzo dello xiloglucano rappresenta un approccio non farmacologico efficace nella gestione di patologie associate All’alterazione della mucosa intestinale, come la sindrome dell’intestino irritabile.

IBS TEST

Verifica se hai la possibilità di avere i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile rispondendo a 4 semplici domande